Campo di papaveri

Massimo Giorgi

Bambini uccisi, donne uccise, uomini uccisi, dalla follia dell’uomo, dalla guerra. 

Li vediamo morire ogni giorno, da secoli muoiono uccisi. La loro storia ci appartiene, è nelle immagini che sopravvivono, è nel nostro futuro a loro negato.

 

Ha messo il primo chiodo, conficcandolo come nella carne, poi un altro, un terzo e poi ancora. Più di mille chiodi arrugginiti tracciano sul rosso colore, confusamente, pensieri, emozioni. Sono segni profondi dai quali prende vita una croce, che taglia a metà, su entrambi i lati, lo spazio del quadro. Davanti allo sguardo sembra quasi dilatarsi, prende un’altra forma, nuova, impalpabile, assomiglia tanto a una farfalla su un campo di papaveri.

È l’Arte che compie il suo miracolo, da sempre fonte inesauribile di vita, di sentimenti di pace e di libertà. Quella stessa libertà ha ispirato e guidato la mano dell’artista.    

 

                                                                                                                    F.B. 





 

                                                                    ”Campo di papaveri“ tecnica mista, 150x100cm - 2011

                                                

                                                                                   "Avvolgenze" pitto-scultura