MY FRIEND 

A bordo della nave Sirio

 

“My Friend” è un reportage che ho realizzato nell’aprile 2014, nel corso di un’esperienza con la Marina Militare, nell’ambito dell’Operazione Umanitaria Mare Nostrum. 

Sono stata due settimane a bordo di “Nave Sirio”, pattugliando in lungo e in largo il Mediterraneo. In quei giorni ho assistito al salvataggio di 1.154 migranti. 

Il lavoro fotografico documenta le fasi dei soccorsi, a partire da quando i naufraghi vengono tratti in salvo dai barconi, condotti a bordo della nave e assistiti, per arrivare al momento in cui vengono trasbordati sulle motovedette della Guardia Costiera, per raggiungere i porti di Pozzallo (RG) e Porto Empedocle (AG).

I migranti soccorsi erano in prevalenza somali, nigeriani, maliani, eritrei, ma soprattutto siriani che hanno attraversato il Libano, l’Egitto e si sono imbarcati dalla Libia per fuggire dalla guerra. 

Il reportage affronta la problematica dei flussi migratori da un punto di vista che va oltre lo sterile calcolo di numeri e cifre che imperversa nel dibattito politico e culturale, per porre invece l’accento sulla centralità della vita umana e sul diritto di ogni uomo a vivere in un paese sicuro.

“My Friend” è il modo in cui, soccorsi e  soccorritori, si chiamavano tra loro.”

MY FRIEND - reportage Romina VINCI.pdf
Documento Adobe Acrobat 4.1 MB